Azienda Agricola Abbadia Ardenga

  • abbadia-ardenga-brunello-di-montalcino
  • 3-1
  • 3-2
  • 1
  • 4

Azienda-Top Categoria: AZIENDA AGRICOLA VITIVINICOLA e CANTINE VENDITA VINI

Profilo
Profilo
Foto
Video
Mappa
Recensioni
Inserzione correlati
  • Abbadia Ardenga …le origini

    Ai primi del 1800 la famiglia Piccolomini iniziò a vendere per i viaggiatori che si fermavano alla “stazione di posta”, vino e olio confezionati.

    Questa ceramica segna la proprietà ed è ancora murata all’ingresso della cantina.

    .

    I locali che costituiscono oggi la cantina di Abbadia Ardenga fin dal periodo etrusco-romano, si trovavano al centro di strade di grande comunicazione. Nel luogo fu costruito uno dei primi torrioni di vedetta e di difesa.

    Da qui transitavano gli scambi merci fra le città etrusche di Chiusi, Roselle, Arezzo e Volterra. Le costruzioni in pietra di questo luogo risalgono al periodo preistorico, soprattutto perchè esistevano ricche sorgenti di acqua. Queste ebbero notevole importanza, ma furono anche sempre al centro di aspre contese.

    La Torre Nera, cosidetta per il colore della pietra, dominava un lungo tratto di strada verso Roma e verso Siena. Divideva idealmente la Valle dell’Asso dalla Valle dell’Arbia.
    Nel 990 vi soggiornò l’arcivescovo di Canterbury (Sigerico) durante il suo viaggio di ritorno da Roma a Londra;
    anche Arrigo VII di Lussemburgo re di Germania e imperatore del Sacro Romano Impero, fece sosta nella zona dove poi improvvisamente morì.

    Nel 1315 un esercito italo-tedesco, partito da Pisa, venne direttamente a questo castello.
    Lo assaltò e lo distrusse. Poi i soldati rubarono, uccisero, violentarono ed infine bruciarono tutte le case dei dintorni. Dicevano di vendicare la morte del loro Imperatore, che ritenevano, proprio in questa zona, fosse stato avvelenato. Dopo alcuni decenni, in cui vi furono altre battaglie e gravi epidemie, il castello venne ricostruito.
    La zona ebbe nuovo notevole sviluppo. Lungo la strada, in direzione Roma, si costruirono case, botteghe, l’ospizio, la Chiesa ed anche un altro castello a difesa dei molini e delle attività sorte sul fiume Asso. Il paese così sviluppato, divenne un Comune autonomo, fu sotto la giurisdizione della Repubblica di Siena ed assume il nome definitivo di Torrenieri.
    Il castello della Torre Nera, di proprietà della famiglia Piccolomini, divenne Sosta stradale.
    Si fecero scuderie, ospizio, osteria. Prese il nome di Stazione di Posta del Poggio di Torrenieri.
    Aveva ancora l’aspetto di vecchio castello.

    Lo storico senese Giovanni Antonio Pecci, verso il 1700 lo descrisse così:
    Nella strada che da Siena conduce a Roma,
    sopra di un poggio di facile accesso,
    tutto coltivato a viti e olivi,
    e poco distante dal fiume Asso,
    risiede il piccolo Castello di Torrenieri

    Nella prima metà del 1800 la “Posta” fu trasferita in fondo al paese, per essere vicina alla programmata Stazione ferroviaria, mentre i fabbricati del Poggio vennero trasformati in una moderna Fattoria: frantoio, cantine, magazzini e case per dipendenti.

    Recenti ricerche archeologiche, sulla base dei documenti di archivio e con l’ausilio degli scavi hanno permesso di ricostruire con sufficienti probabilità, le caratteristiche dell’antico castello della Torre Nera.

    Un popolo che non ricorda il proprio passato … E’ come un albero senza radici

    Abbadia Ardenga …una cantina museo

    Abbadia Ardenga, cantina storica del brunello di Montalcino, è un’azienda davvero

    particolare e assolutamente meritevole di una visita per il suo fascino, oltre che per i suoi prodotti. Ha storia molto antica, infatti la proprietà un tempo apparteneva alla potente famiglia dei Piccolomini, tra i cui componenti ci fu anche un Papa, Pio II che fece costruire la città di Pienza, capolavoro del Rinascimento.La Tenuta è formata da 2 nuclei separati nel comune di Montalcino per un totale di 650 ettari. Solo dieci sono riservati ai vigneti. Viene coltivato con dedizione solo un vitigno, il Sangiovese, che da origine a 40.000 bottiglie all’anno, suddivise tra Brunello di Montalcino docg (Brunello di M. Vigna), Rosso di Montalcino doc
    (Sangiovese grosso) e l’Ardengo Rosso igt (Sangiovese di colore rosso brillante).

    Abbadia Ardenga, il Brunello nella “stazione di posta”

    Da qui transitavano gli scambi di merci fra le città etrusche di Chiusi, Roselle, Arezzo e Volterra: è Abbadia Ardenga, “stazione di posta” nel 1800 e oggi cantina di Brunello di Montalcino che si trova lungo l’antica Mansio della via Francigena, a Torrenieri.
  • Nessuna voce trovata

    Spiacenti, non abbiamo trovato alcuna voce. Modifica i criteri di ricerca e riprova.

    Mappa Google non caricata

    Spiacente, impossibile caricare le API delle mappe Google.